Semla svedese

Semla con marzapane e panna

Lievitati | 11 aprile 2016 | By

Ormai lo sapete che la boutique subisce il fascino indiscusso e geniale della pasticceria francese, se date un’occhiata all’indice delle ricette salta subito all’occhio che davanti alla preparazione di una mousse, di un entremets, una chantilly o una ganache non mi tiro mai indietro, eppure resto e resterò sempre incuriosita da tutto ciò che è dolce in ogni angolo del mondo. Mi piace tantissimo sbirciare nei blog stranieri dove le immagini spesso parlano molto di più di testi incomprensibili, quindi se qualcosa mi incuriosisce, google traduttore corre in mio soccorso e con qualche parola tradotta, qualche peso riproporzionato e un po’ di fantasia, mi traduco un sacco di ricettine interessanti che archivio sul mio pc.
E qualche volta le tengo in cantina per un bel po’ prima di provarle, come questa meraviglia che vi propongo oggi, e qui facciamo un salto fino in Svezia per gustare questo buonissimo dolce della tradizione scandinava.
Originariamente era nato per festeggiare degnamente il martedì grasso prima di iniziare una lunga quaresima di privazioni, oggi invece è diventato simbolo di tutto il periodo festivo compreso tra il Natale e il Carnevale. Troppo buono per gustarlo solo un giorno all’anno. Pensate che ogni anno viene eletta la pasticceria che fa la semla può buona del Paese ed è un titolo davvero conteso visto che chi se lo aggiudica sarà sicuramente presa d’assalto da tutti i golosi della città :).
La forma più comune di questo dolce è quella di piccole briochine, ripiene di panna montata e pasta di mandorle e caratterizzate da un inebriante profumo di arancia e cardamomo. Qui una versione torta , che fa ancora più festa!

Semla con marzapane e panna

Semmeltarta - Brioche svedese con pasta di mandorle e cardamomo
Serves 8
Torta di leggerissima pasta brioche farcita con marzapane e panna montata
Write a review
Print
Prep Time
3 hr 30 min
Cook Time
45 min
Total Time
4 hr 15 min
Prep Time
3 hr 30 min
Cook Time
45 min
Total Time
4 hr 15 min
Ingredients
  1. PER LA BRIOCHE
  2. 400 g di farina forte tipo manitoba
  3. 200 g di farina 00
  4. 80 g di burro a temperatura ambiente
  5. 300 ml di latte
  6. 25 g di lievito di birra
  7. 85 g di zucchero
  8. 1 uovo grande
  9. 1 cucchiaino di semi di cardamomo tritati
  10. La buccia grattugiata di 1 arancia
  11. Un pizzico di sale
  12. 350 ml di panna da montare
  13. PER LA PASTA DI MANDORLE AL 50%
  14. 100 g di zucchero semolato
  15. 100 g di mandorle in polvere
  16. 40 ml di acqua
  17. 2 gocce di estratto di mandorla amara.
Instructions
  1. Nella ciotola della planetaria, con la foglia inserita, mettete il latte fatto riscaldare appena e il lievito sbriciolato, mescolate fino a che si è completamente sciolto poi aggiungete gli aromi, il cardamomo e la buccia di arancia. Adesso aggiungete lo zucchero, l’uovo , il sale e la farina poco alla volta. Lasciate andare la planetaria a bassa velocità per almeno una decina di minuti, poi iniziate ad aggiungere il burro morbido un po’ alla volta. Lavorate finché l’impasto non incorda, ci vorranno circa 15 minuti.
  2. Mettete l’impasto in una ciotola imburrata e lasciate che lieviti almeno fino al raddoppio, ci vorranno 1 o 2 ore, dipende dalla temperatura ambientale.
  3. Nel frattempo preparate la pasta di mandorle. Mettete l’acqua e lo zucchero in un pentolino sul fuoco e portate a bollore fino a sciogliere completamente lo zucchero, poi versatelo sulle mandorle in farina, unite l’estratto di mandorla e mescolate bene con un cucchiaio di legno. Mettete la pasta così ottenuta in un foglio di pellicola trasparente dandole una forma cilindrica e lasciate raffreddare in frigo per 1 ora circa.
  4. A lievitazione avvenuta riprendete l’impasto e delicatamente mettetelo all’interno di uno stampo a cerniera di 24 cm di diametro, ben imburrato. Con un la lama di un coltello ben affilato tagliate l’impasto in 8 spicchi, spennellate con del latte e infornate a 200 ° forno statico per circa 45/50 minuti, A metà cottura mettete un foglio di alluminio sulla brioche perché tende a scurire in fretta.
  5. Riprendete la pasta di mandorle e diluitela con 50 ml di panna liquida, a questo composto dovrete poi aggiungere un po’ di briciole della brioche cotta. Montate la panna.
  6. Una volta cotta, tagliate la brioche per metà orizzontalmente, poi togliete un po’ di mollica per ogni fetta ed inserite all’ interno un cucchiaio di composto alla pasta di mandorle e farcite con tanta panna montata.
  7. Incidete poi sulla sommità di ogni spicchio, un triangolo da cui toglierete un po’ di briciole per poi riempirlo di altra panna montata. Spolverate con zucchero a velo e servite subito.
Notes
  1. Potete anche optare per delle brioche monoporzione come nella tradizione originale delle semle, in questo caso la cottura sarà di circa 20 minuti.
Dolci in Boutique http://www.dolcinboutique.ifood.it/
passo passo 1 ripr

Lavorate bene l’impasto in planetaria fino a farlo incordare, poi riponetelo a lievitare.

passo passo 2ripr

Imburrate una teglia rotonda da 24 cm circa e adagiate l’impasto delicatamente, fate 8 incisioni con la lama di un coltello partendo dal centro e rimettete a lievitare mentre preparate il marzapane.

passo passo 3 ripr

A cottura ultimata riempite ogni fetta con marzapane e con la panna montata.

Semla orizzontale

Semla fetta orizzontale

Semla con marzapane e panna

Comments

  1. Leave a Reply

    Babbi
    11 aprile 2016

    trovare di lunedì mattina una torta del genere non ha prezzo…gnam

    • Leave a Reply

      Angela
      11 aprile 2016

      Ahahaha e si direi che si comincia in dolcezza. Grazie della visita Babbi 🙂

  2. Leave a Reply

    Giulia
    11 aprile 2016

    Oddio che visione! Conosco i semla, ma li ho sempre visti in versione mignon. La tua versione la definirei trionfale e non sai cosa darei per afferrarne subito una fetta.
    Salvo e spero di riuscire a prepararla presto.
    Un abbraccio

    • Leave a Reply

      Angela
      11 aprile 2016

      Si quelli della tradizione sono piccolini ma sono tanto buoni che una fettona come questa ci sta alla grande. Grazie e buona settimana Giulia!!

  3. Leave a Reply

    Fr@
    11 aprile 2016

    Semplicemente una goduria. Un piacere per gli occhi ed il palato.

  4. Leave a Reply

    zia Consu
    11 aprile 2016

    E’ la prima volta che sento nominare questa torta ed è davvero molto particolare..non sai che darei x fare l’assaggio 😛
    Buon inizio settimana Angela <3

    • Leave a Reply

      Angela Lancia
      11 aprile 2016

      Grazie dolcezza, anche a me ha colpito subito la prima volta che l’ho vista, ed eccola qua :). Bacioni cara

  5. Leave a Reply

    Antonella
    11 aprile 2016

    Navigando sul web, mi sono imbattuta in questo blog ed ho visto questa strepitosa brioche che mi ha molto incuriosita tanto che vorrei prepararla per la colazione di domenica prossima, ma leggendo gli ingredienti elencati mancano le uova che sono segnate nella preparazione. Quante uova occorrono per questa preparazione? Grazie Anto

    • Leave a Reply

      Angela Lancia
      11 aprile 2016

      Ciao Antonella e grazie mille per la segnalazione, hai perfettamente ragione, ho omesso, per dimenticanza, l’uovo negli ingredienti elencati, adesso ho aggiornato la lista. 🙂 Grazie ancora e sono molto contenta che tu la voglia provare. Resto in attesa 🙂

  6. Leave a Reply

    Mila
    12 aprile 2016

    Bellissima la tua versione in torta!!! Complimenti

  7. Leave a Reply

    Sonia
    18 aprile 2016

    ma sono senza parole! è vero le foto parlano a volte più del testo, in questo caso specialmente! bellissima brioche, più semplici rispetto a torte decorate ma altrettanto buone, grazie cara per avere condiviso! bacioni

  8. Leave a Reply

    tritabiscotti
    22 aprile 2016

    Non ne conoscevo neppure il nome, ma a vederla sembra davvero fantastica… Sei bravissima e le foto sono magnifiche!

  9. Leave a Reply

    veronica
    25 aprile 2016

    che spettacolo non vedo l ora di provarla sei sempre una grande maestra

Leave a Comment

You can use these HTML tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>