Cinnamon rolls alle fragole

cinnamon rolls

Lievitati | 20 maggio 2015 | By

 

Scommetto che già immaginate chi sia la protagonista di questo nuovo post, certo che è lei ! Fragolosissima fragola  😛 
Ma avete visto dove le ho incastrate queste belle fragoline? Proprio nelle famosissime ciambelline alla cannella più buone del mondo, cinnamon rolls o kanelbullar che siano. Mi è sembrata carina l’idea di provare le fragole in un lievitato dolce e in queste spirali ci stanno proprio benissimo. A colazione o a merenda sono perfette, con un tè, un frullato o semplicemente un bicchiere di latte, sono deliziose. 

strawberry cinnamon rolls

Cinnamon rolls alle fragole
Deliziose spirali di pasta brioche ripiene di fragole e cannella
Write a review
Print
Ingredients
  1. 120 ml di latte intero tiepido
  2. 50 g di zucchero
  3. 40 g di burro morbido + 30 g di burro fuso
  4. 1 uovo
  5. 230 g di farina 00
  6. 100 g di farina manitoba
  7. 5 g di lievito di birra secco
  8. 1 pizzico di sale
  9. zucchero di canna
  10. cannella a piacere
  11. 150 g di fragole
Instructions
  1. Mettete nella planetaria il latte tiepido e il lievito, azionate la foglia a bassa velocità e iniziate ad unire la farina a pioggia. Quando l'impasto inizia a diventare cremoso unire l'uovo sbattuto un pochino prima, mescolate per farlo assorbire, lo zucchero e ricominciate ad unire farina.
  2. Adesso va aggiunto il sale e lasciate andare la planetaria finchè l'impasto incorda. A questo punto si può aggiungere il burro a piccoli pezzettini alla volta, fate riprendere l'incordatura e poi lasciate lievitare l'impasto fino al raddoppio. Circa 2 ore.
  3. Adesso infarinate un po' il tavolo e capovolgete sopra l'impasto, fate due giri di pieghe di tipo 1, coprire con della pellicola oleata e lasciate puntare l'impasto per circa 40 minuti. Stendetelo quindi su carta forno in un rettangolo di 30x38 cm circa , spennellatelo con il burro fuso, zucchero di canna, spolveratelo di cannella e copritelo di fragole a fettine. Arrotolate dal lato più lungo e tagliate dei trancetti di circa 2 cm di spessore, distanziateli un pò e lasciate che i rotolini lievitino ancora 30 minuti, meglio se mettete in forno spento con luce accesa. Prima di infornare fate un'altra spolverata di zucchero e cannella e cuocete a 180° per circa 15 o 20 minuti
Notes
  1. Se avete la macchina del pane inserite gli ingredienti seguendo esattamente l'ordine riportato, prima i liquidi e poi le polveri e impostate la funzione solo impasto. Quando la macchina ha finito ripartite dalle pieghe e seguite la stessa procedura di prima.
Dolci in Boutique http://www.dolcinboutique.ifood.it/
cinnamor rolls alle fragole

 

strawberry cinnamon rolls

 

Con questa ricetta festeggio i 4 anni del blog di Alice e partecipo al contest su “I lievitati” de La cucina di Esme

contest sui lievitati []

 

Pan di spezie senza uova e senza glutine, perchè senza è buono!

Domenica mattina ho preparato una colazione diversa della solita tazza di latte con biscotti che mi accompagna nelle sveglie delle giornate frettolose, tanta frutta, yogurt,  latte e un buonissimo pan di spezie spalmato con ottima marmellata di arance.
Alle mie ragazze piace molto il pan di spezie e a me piace ancor di più il profumo che invade la cucina appena apro il forno e ne taglio qualche fetta, la cannella, i chiodi di garofano, il cardamomo sono profumi caldi, accoglienti, quasi inebrianti sembra quasi di essere avvolti da un abbraccio di tepore e tenerezza 🙂
La cosa che ha reso però speciale questo dolce è il fatto che ho voluto provare una versione più alleggerita e senza glutine, oltre a non avere uova ne burro. Il risultato? Fantastico, davvero da provare, il latte che ho usato invece dell’acqua ha sopperito perfettamente alla mancanza di burro e tutte quelle meravigliose spezie hanno fatto il resto. Lo abbiamo gustato semplice e con una bella spalmata di marmellata, perfetto!

 

 

Pan di spezie senza glutine ne burro ne uova:
150 gr di miele d’acacia
200ml di latte parzialmente scremato
60 gr di zucchero di canna integrale
100 gr di farina di grano saraceno
100 gr di farina di riso
50 gr di farina di castagne
1 cucchiaio di lievito per dolci
1 cucchiaino di bicarbonato di sodio
2 cucchiaini di 4 spezie (noce moscata, cannella, anice stellato, chiodi di garofano)
6 bacche di cardamomo, solo i semini
un pò d’acqua calda per dissolvere il bicarbonato
 
Preparazione:
Preriscaldate in forno a 150°
Mettete in un pentolino il latte, il miele e lo zucchero e riscaldatelo sul fuoco per far sciogliere bene tutto.
Togliete dal fuoco e aggiungete le farine setacciate con il lievito, mescolare bene per sciogliere tutti i grumi.
Aggiungete adesso tutte le spezie e il bicarbonato sciolto in un pò di acqua calda. Mescolare ancora un pò 
.Ungere ed infarinare dei stampini da mini cake ( i miei erano 6×10 cm) e cuocere per circa 35 minuti.
Spalmare la superficie con della marmellata di arance e affettare. Profumati, morbidi e buonissimi!
 
 
 
 
 

Con questa ricetta partecipo al contest di Andante con gusto, Pamirilla e Cose dell’altro pane
nella sezione prima colazione ” E’ senza? E’ buono!”

 

 

Polentine dolci di ricotta e agrumi

Stamattina sono uscita di casa un pò prima del solito, ho finalmente lasciato le chiavi dell’auto sulla consolle dell’ingresso e ho deciso di godermi la freschissima aria del mattino in una bella passeggiata fino all’ufficio. Non ci impiego molto a piedi, meno di mezz’ora, eppure la pigrizia quasi sempre prende il sopravvento soprattutto d’inverno e uso l’auto. Oggi c’era molto freddo, l’erba del cortile era ghiacciata, la neve ancora li ai bordi delle strade, l’aria pungente che mi sfiorava il viso eppure mentre mi incamminavo verso la solita meta di tutte le mattine oggi avrei potuto camminare per ore, avrei voluto non fermarmi, avrei voluto raggiungere il mare……..il mio mare che a volte mi manca così tanto. 
A volte basta anche un tempo brevissimo come quello del  cammino da casa a lavoro a riaccenderti i pensieri, a farti ricordare chi sei.
In principio l’idea era quella di cenare con un bel piatto di polenta fumante e invece ho fatto una quiche!
E allora succede che magicamente la  polenta si fa dolce e queste dorate tortine di farina di mais sono
davvero un regalo goloso a cui non si può resistere!
Polentine di ricotta e agrumi:
250 gr di ricotta
130 gr di farina di mais tipo fioretto
30 gr di farina 00 setacciata
120 gr di zucchero
2 uova
Il succo di 2 arance
1 cucchiaino di lievito per dolci
30 gr di uvetta
50 gr di burro morbido
Per decorare:
scorzette d’arancia
zucchero fondente o glassa.
Procedimento:
Mettere l’uvetta in ammollo con
il succo delle arance. Preriscaldare il forno a 180° statico
Montare con delle fruste lo
zucchero e il burro morbido, aggiungere la ricotta e un uovo alla volta.
Mescolare il lievito alla farina
00 e aggiungere quest’ultima al composto alternandola alla farina di mais e al
succo d’arancia con l’uvetta, amalgamare bene tutti gli ingredienti e versare
negli stampini già precedentemente imburrati e infarinati, non è necessario se
usiamo stampi in silicone.
Cuocere in forno per 25 minuti
circa.
Una volta cotti li lasciamo
raffreddare su di una gratella e li decoriamo con dello zucchero fondente e
scorzette d’arancia candite.
Aggiungi didascalia

 Queste tortine le trovate anche su  Taste & More magazine

Tortine di panna e fragole per il dì di festa

Natale è appena passato ma ancora
per qualche giorno ci viviamo questa bella atmosfera di festa. La cosa che più
mi piace dei giorni di festa è la possibilità di godersi il tempo e di non  dover correre sempre dietro quelle odiose
lancette dell’orologio! Chi lavora e ha dei bambini e una famiglia  lo sa benissimo cosa intento, la sveglia che
suona all’alba , le raccomandazioni ai bambini , la colazione al volo, e fai
presto dentro quel bagno….e corri che perdi l’autobus….e accidenti non trovo il
badge!….e scappo a far la spesa….e uffa è già ora di cena!…..Insomma che
stressssss.
E invece per 4 meravigliosi
giorni mi sono goduta le giornate senza orologio e senza telefono! Sono volati
lo ammetto e oggi sono già tornata a lavoro ma chi sa come mai l’orologio
appeso alla parete del mio ufficio era curiosamente fermo…..sarà la magia del
Natale che vuole fermare il tempo….o saranno le batterie scariche?….mah 🙂
E quando si ha il tempo di fare
comodamente  una bella colazione ci si
può permettere anche un risveglio così goloso e festivo, una buonissima tortina
di biscotto alla panna, gelatina di fragole e panna montata….e la festa continua!
PER
IL BISCOTTO ALLA PANNA
2 tuorli d’uovo
150  gr di
zucchero
165  gr di
panna
165  gr di
farinaa
5 gr di lievito in polvere
1 pizzico di sale
Montare i tuorli con lo zucchero  ed il sale per circa 10 minuti. Unire la
panna montata e la farina setacciata con il lievito alternando le due a poco a
poco.
Stendere su un foglio di carta da forno e cuocere a
175° per circa 20 minuti.
PER
L’ACQUA DI FRAGOLE
Ingredienti
250 gr di fragole
115 gr zucchero semolato
25 gr acqua
Tagliare  a
pezzetti  le fragole, unire  lo zucchero semolato  e l’acqua. Mescolare e mettere nella ciotola
in microonde, alla massima potenza, per 4 minuti.
 Rovesciare il
tutto sopra un colino a maglie fini
e fare  colare
il liquido senza mescolare. Recuperare tutto il liquido e tenere le fragole da
parte.
PER
LA GELATINA DI FRAGOLE
200 gr di acqua di fragole
4 gr di gelatina in fogli
Ammollare i fogli di gelatina in acqua fredda per 10
minuti, scaldare l’acqua di fragole senza farla bollire, unire i fogli di
gelatina ammollati e ben strizzati e mescolare bene . Lasciar raffreddare
a  temperatura ambiente
PER
L’ASPIC  DI FRAGOLE E MENTA
Riprendere i pezzetti  di fragole e condirli con delle foglioline di
menta , 1 cucchiaino di succo di limone e 1 cucchiaino di moscato. Inserirle in
un coppapasta tondo e versarvi sopra un po’ della gelatina ancora liquida fino
a ricoprire bene le fragole, mettere in frigo ad addensare.
PER
LA PANNA MONTATA
200 gr di panna fresca
20 gr di zucchero
MONTAGGIO
DEL DOLCE
Ho coppato il biscotto alla panna con una formina a
fiore, ho appoggiato sul biscotto il cerchio di aspic di fragole e menta, con
due sac a poche con bocchetta tonda piccola ho fatto prima dei cerchi di panna
distanziati appena l’uno dall’altro sull’aspic, poi ho riempito gli interspazi
con la gelatina di fragole (inserita in sac a poche).
Ho decorato il tutto in stile natalizio, con fragole
e fresche e panna ( babbo natale) e gelatina di fragole (stella cometa)

Con questa ricetta partecipo al contes di Silvia Dans ma cuisineNatale a colazione” con Luca Montersino e Dolcemente by Kitchen

Mini banana cakes alla panna acida

Questi piccoli cakes alla banana sono stati la merenda del pomeriggio di questa settimana, e devo dire che si prestano benissimo per una piccola pausa golosa. Li ho preparati un pò per caso, l’evento scatenante è stata la scoperta di un grappolo di banane dimenticate nel frigo(e qui mi chiedo come ci siano finite visto che non è il loro posto?) nascoste da verdure varie e che ormai a mangiarle non se ne parlava chiaramente più. Troppo mature, troppo mollette, veramente irrecuperabili se non che perfette per farci un dolce 🙂
Sono sempre alla ricerca della ricetta perfetta e stavolta sbirciavo tra i forum di cucina americana per trovare la “miglior torta al cioccolato di sempre”……beh tutto è relativo e tutto è soggettivo ma se in tanti concordano che una determinata ricetta è un portento io la devo assolutamente provare!
E mentre leggevo e prendevo nota mi è capitato di leggere più volte di una certa Rose Levy Beranbanm che sta spopolando negli USA con il suo libro “The cake bible” , beh il titolo è impegnativo non c’è dubbio e visto che oltre alla perfetta torta al cioccolato, delle sue ricette si dice un gran bene anche della Torta choc alla banana e panna acida , quale occasione migliore per testare questa golosità ?
Detto fatto, per fortuna nel suo sito ci sono anche le conversioni in grammi perchè quanto le converto io resto sempre col dubbio che abbia fatto proprio tutto bene e siccome io cellentino tutto al grammo (deformazione montersiniana) mi sono sentita più sicura :).
Una volta fatto l’impasto e messo in forno si è sprigionato per casa un profumino strepitoso, ecco dal punto di vista olfattivo è una torta profumatissima e questo è un fattore non da poco. Per quanto concerne il gusto niente da dire , davvero buona! La consistenza è umida al punto giusto, morbida, corposa…credo che la panna acida al suo interno faccia la differenza, l’ho provata in altri impasti e la caratteristica è proprio quella di evitare che il dolce sia secco. La ganache di copertura ci sta benissimo, anche questa fatta con la panna acida, è meno dolce di quella tradizionale e con la dolcezza della torta ci sta a meraviglia. Quindi test superato in pieno….provare per credere 🙂

Banana cake choc con ganache di cioccolato e panna acida
Per i tortini alla banana

2 banane  circa 250gr totali
120gr di panna acida
2 uova circa 100 gr
2 cucchiaini di buccia di limone grattugiata
1 e 1/2 cucchiaino di estratto di vaniglia
200gr di farina settacciata
170gr di zucchero (preferibilmente zefiro)
1 cucchiaino di bicarbonato di sodio
1 cucchiaino di lievito per dolci
1/2 cucchiaino di sale
140 gr di burro morbido

Frullare in un mixer le banane, le uova e la panna acida, la vaniglia, diventerà tutto liquido.
In un recipiente capiente mettere tutte le  polveri  e girare per bene con delle fruste a bassa velocità. 
Aggiungere alle polveri il burro morbido e metà del composto liquido , frullare per qualche secondo e poi aggiungere il restante composto liquido.
Versare in una teglia di 22 cm circa o come nel mio caso in stampini da piccoli plum cakes, passare in forno caldo a 170° per 30 o 40 minuti circa.
Sfornare e lasciare raffreddare 10 muniti prima di estrarre dalla teglia.

Adesso prepariamo la ganache al cioccolato e panna acida
E’ una ganache che rassoda all’istante, non necessita di riposo e la si può adoperare subito
170 gr di cioccolato fondente max 60%
200 gr di panna acida
Far fondere il cioccolato al microonde oppure a bagnomaria, unire in due volte la panna acida incorporandola al cioccolato partendo dal centro con un cucchiaio o spatola morbida, è già della giusta consistenza per poterla adoperare, in frigo tende a rassodare molto, quindi se la preparate in anticipo poi bisogna tirarla fuori dal frigo un pò prima perchè sia della giusta morbidezza.

Tortine morbide ai lamponi di Pierre Herme e ….Parigi arrivooooo

Il titolo dice molto direi, sono strafelice! e voglio ringraziare tutti voi che avete schiacciato il pulsantino magico qualche settimana fa e votato le mie foto per il concorso. Voglio condividere con voi tutte mie lettrici e sostenitrici questa piccola gioia che mi sono guadagnata con non poca fatica ( sono stata un pò un martello con la votazione di queste foto, lo ammetto)  ma anche parecchia fortuna, e ogni tanto ci vuole proprio!
Questo week end parto per Parigi, siamo le solite della prima tappa che ci ha visto passare uno splendido week end in Valdichiana, la seconda e ultima tappa prevedeva appunto il week end a Parigi per l’album di foto più votato…..e Yuppiie Yeeeee…..abbiamo vinto!
Ho già in mente di far girare alle mie compagne di viaggio tutte le pasticcerie più chic e stratosferiche della ville lumiere, già mi stanno detestando per questo! :).  No dai sono brave, pazienti e forse anche un pò rassegnate ma si sa che i viaggetti delle foodbloggers sono tutti foto, assaggi, tour gastronomici e borse piene di cibi strani da portare  a casa come souvenir 🙂
Non mancherà sicuramente il mio reportage nei prossimi giorni, e si voglio proprio condividere alla grande questa bella avventura,  magari con anche la riproduzione di qualche meraviglia dolciaria vista in qualche vetrina.
Ma adesso veniamo a questa piccola meraviglia fatta proprio in 10 minuti come dice il grande Pierre! Ho trovato la ricetta nel libro “Mes dessert aux chocolat” di Pierre Herme’, nel libro lo definisce il gateau di Suzy,   
una sua amica, io l’ho riprodotto integralmente nella base, ho solo aggiunto dei meravigliosi lamponi sia all’interno del dolce, quindi cotti che hanno rilasciato una cremina strepitosa, sia come decorazione esterna. E completati con una semplice glassatura al cioccolato.

Tortine morbide dal cuore di lamponi

Ingredienti:
250 gr di cioccolato fondente al 60% (Valrhona Guanaja)
250 gr di burro a temperatura ambiente
200 gr di zucchero
4 uova grandi a temperatura ambiente
70 gr di farina 00
lamponi a preferenza
per la glassata al cioccolato:
150 gr di cioccolato di copertura ( al 50%)
50 gr di panna
50 gr di burro

Preparazione:

Sciogliamo il cioccolato al microonde o a bagnomaria e lo lasciamo raffreddare.
Montiamo assieme il burro morbido con lo zucchero per circa 4 minuti, il composto deve essere cremoso e molto ben amalgamato.
Aggiungiamo le uova una alla volta e sbattiamo bene per 1 minuto ad ogni aggiunta di uova.
Adesso riduciamo al minimo la velocità delle fruste e aggiungiamo il cioccolato fuso e in ultimo la farina setacciata.
Nel libro dice di versare il composto in uno stampo da cake ma io ho usato gli stampini dei muffins, riempiti in un primo momento a metà, ho messo i lamponi e poi ricoperto con altro impasto. Non essendoci lievito non crescono tanto in cottura quindi si può riempire bene lo stampino.
Adesso tutto in forno a 180° per circa 25/30 minuti.
Il cuore delle tortine deve rimanere morbido e abbastanza cremoso, se facciamo la prova stecchino deve uscire leggermente unto di impasto.
Li lasciamo raffreddare e poi li passiamo un oretta in frigo prima di sfornarli, così è più semplice.
E adesso via di fantasia con la decorazione, io ho usato la glassata di cioccolato, semplicemente facendo sciogliere a bagnomaria tutti gli ingredienti assieme e versando appena intiepidito sulle tortine e poi qualche lampone a dare un tocco di colore e dolcezza.
Ricetta semplice, veloce e strepitosamente golosa, ne ho mangiati fin troppi !!!!

Graham Crackers, ossia la versione U.S.A. dei digestive

Biscotti | 4 giugno 2012 | By

Oggi riparto da una ricetta semplice. 
Riparto perchè questa settimana mi è sembrata interminabile, perchè è spiazzante la difficoltà che si prova a vivere il quotidiano quando il tuo quotidiano è continuamente messo in discussione dalla forza di una  natura che  sembra ricordarti senza tregua la sua grandezza, la sua potenza e quanto di contro noi siamo fragili.
Da quella domenica di due settimane fa l’orologio scandisce le ore del giorno con una strana lentezza, o forse è solo stanchezza la mia, perchè anche se fortunatamente non abbiamo subito materialmente la devastazione del terremoto, lo stiamo vivendo nel quotidiano, lo sentiamo negli occhi pesanti che fanno fatica a riposare, lo vediamo nei risvegli notturni dei nostri figli, lo ascoltiamo nei discorsi della gente intorno a noi, lo percepiamo nei nostri gesti nervosi e impauriti. Ti segna e lo fa per sempre.
Ma ogni volta si riparte perchè è giusto che sia così e ieri abbiamo fatto i biscotti, tutti insieme a casa prima di scappare ancora per l’ennesima scossa.
Graham Crackers
ricetta di Martha Stewart
Ingredienti ( per
circa 40 biscotti)
:
200g di farina 00
130g di farina integrale
40g di germe di grano
1 cucchiaino di bicarbonato di sodio
½ cucchiaino  di sale
fino
130g di zucchero di canna Muscovado
2 cucchiai di miele di buona qualità
220 di  burro
ammorbidito ( io ne ho messo 180gr)
½ cucchiaino di di cannella in polvere .
Preparazione:
In un recipiente mescolare
assieme  la farina 00 , la farina  integrale , il germe di grano, il sale e il
bicarbonato.
Nella planetaria su cui avete
monatto la foglia mettere  il burro, lo zucchero
e il miele e cominciate a mescolare a velocità media per circa 2 o 3 minuti
fino a quando avrete ottenuto un composto soffice e ben amalgamato.. A questo
punto aggiungete gli ingredienti secchi poco alla volta  e impastate giusto in tempo di compattare il
tutto, finite  di lavorare a mano per
qualche secondo, fatene una palle e mettete a riposare in frigo per 1 ora
circa.
Ora riprendiamo l’impasto  e lo dividiamo  in 4 pezzi, 
stendiamo  ogni pezzo tra due
fogli di carta forno ad uno spessore di circa 3mm. Con il tagliapasta tagliate
poi dei rettangolini  di circa 8x4cm
oppure con un coppapasta dei dischi 5 cm circa e con la punta dei rebbi della
forchetta praticate i buchini.
 Riporre i biscotti così tagliati in freezer
per circa 20 minuti. Una volta ben freddi  prendete i biscotti dal frizer e allineateli
su una teglia rivestita  di carta forno
distanziandoli di mezzo cm. Infornate in forno preriscaldato a 180° per circa  10 minuti. Sfornate e lasciate raffreddare
per 5 minuti nella, dopodiché trasferite i biscotti su una gratella.
Sono biscotti dal sapore intenso
e molto friabili, buonissimi da mangiare a merenda, a colazione e ottimi da
usare come base per i cheesecakes o dolci che prevedano una base biscottosa.

Cake di banane e semi di papavero

Finalmente ci sono riuscita! Detta così sembrerebbe che abbia fatto chi sa quale magia pasticcera, no no  nessuna complicata composizione, nessuna delicata lievitazione, nessuno stratificato equilibrio di creme
….sono solo riuscita a nascondere per benino un paio di banane da far diventare mature e preparare questo semplicissimo cake da colazione o merenda. E lo ammetto ci provavo da mesi ma le mie abilissime scovatrici di ghiottonerie ( la cuochetta e la buongustaia) riuscivano sempre a finirmi tutte le banane prima che mi diventassero abbastanza mature da poterci fare qualche buon dolcetto. Non è che io vada matta per i dolci alle banane ma sono moooolto curiosa e avevo adocchiato un paio di ricettine che volevo assolutamente provare, la scelta è ricaduta su questo cake morbidissimo e molto profumato, la prima caratteristica  data dalla presenza del latticello e la seconda dal profumo delle banane. A dare brio al tutto una cascata di semi di papavero che danno una bella nota di allegria e colore.
La ricetta originale è tratta dal libro “Baking for all occasion”  ma io l’ho scovata  qui su questo delizioso blog Technicolor Kitchen

L’unica variazione che ho fatto è sostituire la metà dello zucchero semolato con quello muscovado per avere una sapore maggiormente caramellato e un aspetto più rustico.

Ingredienti:
250 gr di farina
2 cucchiaini di lievito vanigliato
1/2 cucchiaino di bicarbonato di sodio
1/2 cucchiaino di cannella
un pizzico di sale
3 cucchiai rasi di semi di papavero
2 banane grandi mature e 1 per decorare
100 ml di latticello
110 gr di burro morbido
75 gr di zucchero semolato
75 gr di zucchero di canna muscovado
2 uova grandi

Per la glassa:
70 gr di zucchero a velo
zeste di limone
e succo di limone quanto basta

Procedimento:

Preriscaldiamo il forno a 180°.
In un recipiente mettiamo assieme tutte le polveri setacciate (farina, lievito, bicarbonato) e aggiungiamo i semi di papavero, mettiamo da parte.
In un altro recipiente montiamo assieme gli zuccheri e il burro morbido fino ad avere una miscela soffice e chiara, poi aggiungiamo le banane e il latticello che avevamo in precedenza mixato insieme, continuiamo a moltare con le fruste e aggiungiamo un pò alla volta le uova sbattute.
Dopo un paio di minuti uniamo al composto cremoso il mix di farina in tre volte sempre mescolando. Imburriamo e infariniamo uno stampo da plumcake e versiamoci dentro il composto, tutto in forno per circa 40 minuti, fate la prova stecchino prima di sfornarlo. Lasciar raffreddare una decina di minuti e poi glassarlo in superfice unendo tutti assieme gli ingredienti fino ad avere una glassa liscia e senza grumi. Decorare a piacere con la banana avanzata.

Considerazioni:

 Finito in un baleno, in un primo momento la ciurma era restia alla prova, forse l’aspetto non è di massima golosità ma dopo l’assaggio c’è stato l’arrembaggio :)…in effetti è molto buono , umido al punto giusto, il latticello è fantastico nel conferire morbidezza e umidità agli impasti, lo zucchero muscovado è stato il tocco in più, glia ha conferito una leggera croccantezza esterna con un accennato sentore di caramello che ci stava davvero bene!
E visto il bel lavoro dello zucchero muscovado con questa ricetta partecipo al contest ” Basta un poco di zucchero e….” di  Note di cioccolato

Biscottini di avena e mele di cuochetta

Biscotti | 6 marzo 2012 | By

E anche oggi cuochetta ci mette le ” zampette”!
Ma si dai pasticciamo un pò insieme e prepariamo una piccola scorta di biscottini buoni buoni da tenere pronti per una piccola merenda, per la colazione o per portare a scuola.
Ormai è tanto tempo che ho perso “fortunatamente” l’abitudine di comprare merendine pronte, sono comode, sono anche buone ma si sa, non sono il massimo in quanto a contenuti troppo alti di zuccheri, grassi  spesso idrogenati e conservanti vari.
Poco male, le merendine ce le prepariamo a casa, con pochi ingredienti freschi e naturali e spesso ci mettiamo dentro anche cose che altrimenti non si mangerebbero volentieri da sole, come la frutta, come i cereali, lo yogurt e quello che ci viene in mente al momento.
Quello di coinvolgere le mie figlie nella preparazione delle ricette è un trucchetto che mi aiuta a farle avvicinare a  cibi che altrimenti non accetterebbero con troppo entusiasmo, in special modo le verdure e la frutta che purtroppo non amano molto, e invece il fatto stesso di averli cucinati personalmente,
 magicamente da più gusto a ciò che hanno preparato 🙂
Oggi usiamo le mele e i fiocchi d’avena per preparare questi biscottini.

Ingredienti:
2 mele tagliate a pezzetti piccoli
125 gr di burro a temperatura ambiente
100 gr di zucchero di canna
1 uovo
75 gr di fiocchi d’avena
125 gr di farina
25 gr di farina di cocco
1 cucchiaino raso di cannella

Procedimento:
Lavorare il burro e lo zucchero fino a rendere il composto soffice e cremoso, aggiungere l’uovo leggermente sbattuto e frullare bene montando il tutto.
Aggiungere tutti gli altri ingredienti secchi e amalgamare bene con un cucchiaio di metallo.
Fare delle palline aiutandosi con un cucchiaino e metterle su di una teglia rivestita di carta forno lasciando almeno 3 cm tra loro.
Cuocere per 20 minuti circa a 180°.
Sono facilissime da preparare e molto apprezzate da tutti.

Con questa ricetta partecipo al contest ” A prova di bimbo” di Diario di cucina

La lista dei partecipanti :

Mini bread and butter pudding

Oggi prepariamo una merenda molto semplice e golosa, burrosa burrosa e tipica della Gran Bretagna. E’ un pudding preparato con pane burro e marmellata ma io ho usato delle belle briochine fatte in casa ed è risultato davvero buono.
Come se non bastasse la carica zuccherina del pane imburrato lo rendiamo ancora più corpulento facendone un dolcetto al forno! Ma come si fa a resistere a quel sorrisetto ammiccante di Jamie Oliver che vi assicura che è una delle ricette più semplici e più golose che si possa fare? E allora noi lo proviamo.

Ingredienti:
per 4 mini pudding

4 fette di pane affettato o brioche
50 gr di burro
mezzo cucchiaino di cannella
un pizzico di noce moscata
buccia grattugiata di un’arancia
3 tuorli d’uovo e 1 uovo intero
70 gr di zucchero
250 gr di latte
200 gr di panna
uvetta
marmellata a piacimento

Procedimento:
Cominciamo con l’ammorbidire il burro al microonde, quando è ridotto a pomata lo aromatizziamo con la cannella, la noce moscata e le scorze d’arancia.
Spalmiamo il burro sulle fette di pane o brioche, aggiungiamo la marmellata e tagliamo la fetta in quattro triangolini che mettiamo in 4 cocottine con le punte in su.
In un recipiente sbattiamo leggermente le uova con lo zucchero e aggiungiamo il latte e la panna, amalgamando tutto.
Versiamo nelle cocottine sulle fette di pane, aggiungiamo un pò di uvetta e mettiamo le cocottine in una teglia da forno riempita d’acqua. In forniamo a 160° per 30 minuti circa, a 5 minuti dal termine alziamo un pò la temperatura e lasciamo formare una leggera doratura.

Con questa ricetta partecipo al contest “Ricette a tutto butter” di Buhbuhbutter

Ricette a tutto Butter-1° compleanno di Buhbuhbutter

Waffle di Liegi …quelli veri!

Waffle di Liegi originali
Il Belgio è stato sicuramente una scoperta per me, qualche anno fa io e la mia famiglia abbiamo deciso di trascorrere qualche giorno in Belgio, era giugno, le giornate ormai lunghissime, il caldo quasi  da piena estate  e un volo in ” mega offerta”  dritto dritto per Bruxel che non ci siamo fatti scappare.
E di quel viaggio così improvvisato ci siamo portati con noi un ricordo splendido, 4 giornate di sole meraviglioso ( quasi un miracolo che non abbia mai piovuto), un mare di foto per non dimenticare città meravigliose come Bruges e Gent,  tanta tantissima cioccolata e una scorta di scatole di zucchero perlato!
Lo ” sucre perlè” è uno zucchero estratto dalle barbabietole usando un metodo “grezzo” rispetto a quello comune e il risultato sono queste perle di zucchero duro che si trovano solamente in Belgio e che rappresentato l’ingrediente fondamentale per la realizzazione dei waffle di Liegi.

zucchero perlato

Si dice che siano stati inventati dal pasticcere del Principe di Liegi nella metà del 1800 che realizzò per il matrimonio di quest’ultimo un dolce rappresentativo  della città di Liegi attraverso appunto lo sucre perlè e il ” fer a gaufres”  in stile araldico.
Fu un successone naturalmente, i waffle di Liegi  sono veramente speciali, niente a che vedere con le comuni cialdine morbide che siamo abituati a mangiare, ed è proprio questo particolare tipo di zucchero che lo rende unico, croccante e caramellato in esterno, morbido nel cuore e profumatissimo di vaniglia e burro.

Li possiamo farcire golosamente a nostro piacimento  o solamente spolverizzati di zucchero a velo, sono sempre buonissimi! Naturalmente per reperire lo zucchero perlato o si va a fare un viaggetto in Belgio o si fa un bell’ordine in internet , io quando ho finito le scorte del viaggio ho ripiegato sulla seconda opzione…funziona 🙂
Questa è la ricetta originale che si trova sulle scatole dello zucchero perlato , ho fatto metà dose per 250 gr di zucchero, se ne ricavano circa 14 waffle.

Ingredienti:

375 gr di farina 00
130 gr di latte tiepido
25 gr di lievito di birra
2 uova e 1 tuorlo
mezzo cucchiaino di sale
vaniglia
200 gr di burro morbido a pezzetti
250 gr di zucchero perlato

una piastra da waffle

Procedimento:
Si fa un impasto a mano o in planetaria con tutti gli ingredienti tranne il burro e lo zucchero.  Lo si lascia lievitare per 40 minuti circa a 30° possibilmente (nel  forno acceso al minimo e poi spento), dopo di che si sgonfia l’impasto e si uniscono il burro e lo zucchero impastando bene fino a quando siano perfettamente incorporati al resto. A questo punto facciamo delle palline di circa 70 / 80 gr , le mettiamo su di una placca e lasciamo riposare in frigo per 15 minuti circa.
Accendiamo la piastra a temperatura medio/bassa e appena pronta cominciamo la cottura dei waffle, devono cuocere circa 3 minuti.
Pronti per essere farciti e gustati.

Con questa ricetta partecipo al contest “Dolci a colazione ” di Prezzemolino

Whoopie whoopie yeah|……e anche noi abbiamo ricordato San Valentino.

Ho scoperto i Whoopies da qualche mese sbirciando in qualche blog di dolci americani, diciamo che è la moda del momento un pò  come lo sono diventati i cupcakes  qualche anno fa. A prima vista sembrano dei grandi biscottoni in realtà sono dei dolcetti dalla cosistenza morbida, quasi una tortina direi e racchiudono un ripieno cremoso in genere molto dolce sulla falsariga del frosting dei cupcakes, però poi ci si può mettere un pò qualsiasi tipo di farcia, anche della semplice marmellata o crema di cioccolato.
E allora tra i tanti blog ammalati di whoopies mania ho preso spunto dal  meraviglioso sito di Annie , qui si trova il dettaglio fotografico della realizzazione dei whoopies a forma di cuore anche se non si ha la formina. Io ci ho provato e direi che il risultato non è niente male eccezion fatta per il colore 🙁 , dovevano essere di un bel colore rosso brillante e invece il mio colorante alimentare non ha voluto sapere di fare il suo dovere! Colore a parte il sapore è ottimo, uno snack veramente piacevole, anche da portare son se in ufficio o dare come merenda ai bambini a scuola.

Red Velvet Whooie pies


Ingredienti:

300 gr.di farina 
30 gr. di cacao amaro

1/2 cucchiaino di lievito in polvere

1/2 cucchiaino di bicarbonato di sodio

1/4 cucchiaino di sale

170 gr.di burro a temperatura ambiente

200 gr. di zucchero semolato
1 uovo a temperatura ambiente
90 gr. di latte intero
90 gr. di panna acida
aroma vaniglia e colorante alimentare

per la farcia:
100 gr. di burro morbido
200 gr. di formaggio quark (tipo philadelphia)
300 gr. di zucchero a velo
50 gr. di cioccolato bianco

Procedimento:

Si inizia a montare con le fruste il burro con lo zucchero poi si unisce l’uovo, la vaniglia e tutti gli ingredienti in polvere passati al setaccio e alternati nell’inserimento con il latte e la panna acida, in pratica si aggiungono in tre round le polveri alternate al latte e la panna acida. Il composto è tipo quello da muffins quindi ci si aiuta con un cucchiaio per posizionare sulla placca da forno imburrata delle palline di circa 3 cm, crescono un bel pò in cottura, quindi bisogna distanziarle bene. Il forno statico a 190° per circa 10 minuti.
Poi si mettono a raffreddare su di una gratella, attenzione perchè appena tirati fuori dal forno sono molto morbidi.

A questo punto prepariamo la farcia, montiamo molto bene il burro nella planetaria, aggiungiamo il formaggio  , continuiamo a montare a velocità sostenuta, poi abbassiamo la velocità e aggiungiamo lo zucchero a velo, ne deve risultare una crema liscia e soffice.
Io ho aggiunto alla farcia 50 gr. di cioccolato bianco fuso e lasciato raffreddare per dare maggior consistenza alla farcia che mi sembrava non densa abbastanza da tenere in mezzo ai whoopies. Ho messo la crema in frigo per un ora circa

Con dell’altro cioccolato fondente ho decorato i whoopies

Ho lasciato asciugare le decorazioni, ho farcito con la crema fredda di frigo che ha preso consistenza e ho messo i whoopies in frigo per un’ altra oretta.  E sono pronti da addentare!! 😀

Con questa ricetta partecipo alla raccolta di bimbi a tavola

Cuochetta e i pancakes leggeri

La colazione della domenica è sempre una piacevole abitudine, niente corse per arrivare in tempo a scuola e a lavoro e tutto il tempo per preparare qualcosa di appena sfornato o pasticciato al momento. E la domenica di solito è anche il giorno in cui non sono sola in cucina, ho la mia aiutante speciale, la mia cuochetta. Non so ancora se la sua è una vera passione o ancora solo un bel gioco ma sta di fatto che a cuochetta piace davvero un sacco mettere il suo cappello da chef, scegliere la ricettina, preparare per bene tutti gli ingredienti e mettersi all’opera.
Oggi abbiamo deciso di fare i pancakes, ne abbiamo provate diverse di ricette, col burro o l’olio, con le uova intere o gli albumi montati, con il latticello o lo yogurt….ma questa è proprio quella che ci piace più di tutte, leggerissimi con la ricotta e senza nemmeno un filo burro. E sono davvero buonissimi.

Ingredienti:
(per 15 pancakes circa)
70 gr. di farina
30 gr. di maizena
150 ml di latte parzialmente scremato
250 gr. di ricotta
2 tuorli e 2 albumi
1 cucchiaino di lievito per dolci
1 cucchiaio di zucchero
aroma vaniglia
Preparazione:

In un recipiente sciogliamo la maizena nel latte freddo e uniamo tutti gli altri ingredienti tranne gli albumi che vanno montati a neve e aggiunti in ultimo lentamente per non smontare il composto.
Mentre il composto riposa qualche minuto, facciamo riscaldare una padella antiaderente o una piastra per crepes, noi abbiamo usato quest’ultima per far prima. Versare un paio di cucchiai di composto alla volta nella padella calda e appena si vedono in superficie delle piccole bollicine le giriamo e lasciamo cuocere un’altro minuto circa. Adesso non resta che farcirle come più ci  piace, noi le abbiamo gustate con miele, panna acida e marmellata di more. 
.-
Buon appetito da cuochetta 🙂